Usare correttamente la lingua italiana
 

La paura dell'accento
1 | 2 |

Just Time 12 Lug 2017 19:18
E' molto comune pensare che a far cadere l'accento quasi sempre
sull'ultima sillaba di una parola siano i NAPOLETANI (Istanbùl invece di
Istànbul, Sofia Lorèn invece di Sofia Lòren, ecc.).
Ma non è sempre così. Anzi, io stesso napoletano, non riesco a
rassegnarmi alla spaventosa ignoranza di tanti presentatori ed
annunciatori TV.
Ecco degli esempi. Gli abitanti di Padova sono Padovàni oppure Pàdovani.
Se sono Padovàni, allora in dialetto è Padoàn. Non conta nulla se il
ministro è o non è veneto: ad essere veneto ci pensa il suo cognome, che
dovrebbe suonare Padoàn, come Trevisàn, come Brusòn e tanti altri nomi
veneti.
Ma non basta: la città dell'Iraq appena liberata dal "califfato" era
fino pochi giorni fa Mosùl. Ora è diventata Mòsul.
Ma su queste mostruosità la RAI non si accorge di nulla?

--
CobraOne
pauperino@gmail.com 13 Lug 2017 05:21
Il giorno mercoledì 12 luglio 2017 19:18:20 UTC+2, Just Time ha scritto:
> E' molto comune pensare che a far cadere l'accento quasi sempre
> sull'ultima sillaba di una parola siano i NAPOLETANI (Istanbùl invece di
> Istànbul, Sofia Lorèn invece di Sofia Lòren, ecc.).
> Ma non è sempre così. Anzi, io stesso napoletano, non riesco a
> rassegnarmi alla spaventosa ignoranza di tanti presentatori ed
> annunciatori TV.
> Ecco degli esempi. Gli abitanti di Padova sono Padovàni oppure Pàdovani.
> Se sono Padovàni, allora in dialetto è Padoàn. Non conta nulla se il
> ministro è o non è veneto: ad essere veneto ci pensa il suo cognome, che
> dovrebbe suonare Padoàn, come Trevisàn, come Brusòn e tanti altri nomi
> veneti.
> Ma non basta: la città dell'Iraq appena liberata dal "califfato" era
> fino pochi giorni fa Mosùl. Ora è diventata Mòsul.
> Ma su queste mostruosità la RAI non si accorge di nulla?

Per il dizionario della RAI sono previsti due adattamenti dall`arabo: uno
Mosul/Mozul, con l`accento sulla "o"; l`altro Mossul, con l`accento sulla "o" o
sulla "u".

http://www.dizionario.rai.it/poplemma.aspx?lid=38755&r=132129

Pronuncia originale:

https://www.youtube.com/watch?v=GA0yyvTPmLw&feature=youtu.be&t=1m17s
min madinat almawsil "من مدينة الموصل": dalla citta` di Mosul
Roger 13 Lug 2017 09:13
Just Time ha scritto:

> E' molto comune pensare che a far cadere l'accento quasi sempre
> sull'ultima sillaba di una parola siano i NAPOLETANI (Istanbùl invece di
> Istànbul,

Su "Istánbul" e "Istanbúl" c'è da discutere...

> Sofia Lorèn invece di Sofia Lòren, ecc.).
> Ma non è sempre così. Anzi, io stesso napoletano, non riesco a
> rassegnarmi alla spaventosa ignoranza di tanti presentatori ed
> annunciatori TV.
> Ecco degli esempi. Gli abitanti di Padova sono Padovàni oppure Pàdovani.
> Se sono Padovàni, allora in dialetto è Padoàn. Non conta nulla se il
> ministro è o non è veneto: ad essere veneto ci pensa il suo cognome, che
> dovrebbe suonare Padoàn, come Trevisàn, come Brusòn e tanti altri nomi
> veneti.
> Ma non basta: la città dell'Iraq appena liberata dal "califfato" era
> fino pochi giorni fa Mosùl. Ora è diventata Mòsul.
> Ma su queste mostruosità la RAI non si accorge di nulla?

"Mostruosità" è una parola grossa :-)

--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Voce dalla Germania 13 Lug 2017 09:23
Just Time hat am 12.07.2017 um 19:18 geschrieben:
> Ecco degli esempi. Gli abitanti di Padova sono Padovàni oppure Pàdovani.
> Se sono Padovàni, allora in dialetto è Padoàn. Non conta nulla se il
> ministro è o non è veneto: ad essere veneto ci pensa il suo cognome, che
> dovrebbe suonare Padoàn, come Trevisàn, come Brusòn e tanti altri nomi
> veneti.

AMMP, se il ministro vuole essere chiamato Pàdoan, il
cognome è suo e sono affari suoi. *****ogamente, un mio
conoscente ci tiene molto all'accento Maffìa, a maggior
ragione in posti dove parlano inglese o tedesco, lingue che
di solito ignorano le doppie.



> Ma non basta: la città dell'Iraq appena liberata dal "califfato" era
> fino pochi giorni fa Mosùl. Ora è diventata Mòsul.
> Ma su queste mostruosità la RAI non si accorge di nulla?

Premessa, non so l'arabo e ancora meno il dialetto iracheno.
Però so che gli inglesi stravolgono la pronuncia delle
vocali dei nomi stranieri, ma di solito conservano l'accento
originale, e un monolingue inglese degli anni ottanta mi
dice Mòsul e Baghdàd/Bagdàd.
Per andare sul sicuro, poi, basta cercare il sito di
Al-Jazira, che trasmette notiziari a tutte le ore.
Al-Mawṣil dovrebbe venire piuttosto spesso.
Valerio Vanni 13 Lug 2017 09:58
On Thu, 13 Jul 2017 09:13:04 +0200, Roger <rugfarbeep ******* it> wrote:

>> E' molto comune pensare che a far cadere l'accento quasi sempre
>> sull'ultima sillaba di una parola siano i NAPOLETANI (Istanbùl invece di
>> Istànbul,
>
>Su "Istánbul" e "Istanbúl" c'è da discutere...

C'è poi in giro anche la terza pronuncia, quella sdrucciola.


--
Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario
e quelle che non lo capiscono.
Valerio Vanni 13 Lug 2017 10:05
On Thu, 13 Jul 2017 09:23:00 +0200, Voce dalla Germania
<traduttore@sags-per-mail.de> wrote:

>AMMP, se il ministro vuole essere chiamato Pàdoan, il
>cognome è suo e sono affari suoi. *****ogamente, un mio
>conoscente ci tiene molto all'accento Maffìa, a maggior
>ragione in posti dove parlano inglese o tedesco, lingue che
>di solito ignorano le doppie.

Con le doppie avrà perso ogni speranza ;-)

>Premessa, non so l'arabo e ancora meno il dialetto iracheno.
>Però so che gli inglesi stravolgono la pronuncia delle
>vocali dei nomi stranieri, ma di solito conservano l'accento
>originale, e un monolingue inglese degli anni ottanta mi
>dice Mòsul e Baghdàd/Bagdàd.

Qui da noi però c'è la tendenza a tirarlo indietro.
"Iraq" "Iran" e "Vietnam" si sentono spesso con l'accento all'inizio,
anche se la loro pronuncia tradizionale ce l'ha alla fine.

Alla ra***** mi è capitato di sentire addirittura "Bàgdad" (raramente,
però).


--
Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario
e quelle che non lo capiscono.
Voce dalla Germania 13 Lug 2017 10:57
Valerio Vanni hat am 13.07.2017 um 10:05 geschrieben:

> Qui da noi però c'è la tendenza a tirarlo indietro.

Credevo che fosse più un fenomeno tedesco che italiano.



> "Iraq" "Iran" e "Vietnam" si sentono spesso con l'accento all'inizio,
> anche se la loro pronuncia tradizionale ce l'ha alla fine.

In tedesco è ancora sempre alla fine. Queste parole
resistono molto bene alla tendenza tedesca a portare
l'accento sulla prima sillaba.



> Alla ra***** mi è capitato di sentire addirittura "Bàgdad" (raramente,
> però).

Se è per quello, Bàgdad alla ra***** e alla TV l'avrò sentito
almeno mille volte. Però di solito, e anche mentre scrivo
queste righe, sento ra***** e TV tedesche. ;-)
Roger 13 Lug 2017 11:03
Valerio Vanni ha scritto:

> On Thu, 13 Jul 2017 09:13:04 +0200, Roger <rugfarbeep ******* it> wrote:
>
>>> E' molto comune pensare che a far cadere l'accento quasi sempre
>>> sull'ultima sillaba di una parola siano i NAPOLETANI (Istanbùl invece di
>>> Istànbul,
>>
>> Su "Istánbul" e "Istanbúl" c'è da discutere...
>
> C'è poi in giro anche la terza pronuncia, quella sdrucciola.

Vero!
Che poi, forse, è quella più corretta :-)

--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
edi'® 13 Lug 2017 12:01
Il 13/07/2017 09.58, Valerio Vanni ha scritto:

>> Su "Istánbul" e "Istanbúl" c'è da discutere...
>
> C'è poi in giro anche la terza pronuncia, quella sdrucciola.

Se n'è già discusso tempo fa.
Buona parte della mia famiglia è di origini costantinopolitane, e per la
comunità italiana che viveva là da secoli (e che fino a qualche decennio
fa era abbastanza numerosa) la pronuncia era quella sdrucciola.

E.D.
Voce dalla Germania 13 Lug 2017 12:02
Roger hat am 13.07.2017 um 11:03 geschrieben:
> Valerio Vanni ha scritto:
>
>> On Thu, 13 Jul 2017 09:13:04 +0200, Roger
>> <rugfarbeep ******* it> wrote:
>>
>>>> E' molto comune pensare che a far cadere l'accento quasi
>>>> sempre sull'ultima sillaba di una parola siano i
>>>> NAPOLETANI (Istanbùl invece di Istànbul,
>>>
>>> Su "Istánbul" e "Istanbúl" c'è da discutere...
>>
>> C'è poi in giro anche la terza pronuncia, quella sdrucciola.
>
> Vero!
> Che poi, forse, è quella più corretta :-)


Gli italiani lo pronunciano come vogliono. Basta mettersi
d'accordo. Sul DOP non c'è?
Però forse è bene sapere che i turchi dicono Istanbul con
l'accento sulla a.
pauperino@gmail.com 13 Lug 2017 12:04
Il giorno giovedì 13 luglio 2017 09:23:10 UTC+2, Voce dalla Germania ha
scritto:

> Premessa, non so l'arabo e ancora meno il dialetto iracheno.
> Però so che gli inglesi stravolgono la pronuncia delle
> vocali dei nomi stranieri, ma di solito conservano l'accento
> originale, e un monolingue inglese degli anni ottanta mi
> dice Mòsul e Baghdàd/Bagdàd.
> Per andare sul sicuro, poi, basta cercare il sito di
> Al-Jazira, che trasmette notiziari a tutte le ore.
> Al-Mawṣil dovrebbe venire piuttosto spesso.

L`arabo, per quello che ne so, ha un sistema di pronuncia simile al latino:
l`accento dovrebbe cadere sempre sulla sillaba contenente una vocale lunga. In
Bagdad:

https://ar.wikipedia.org/wiki/%D8%A8%D8%BA%D8%AF%D8%A7%D8%AF

e` presente solo una vocale lunga (suono aperto "ah"), segnalata dalla lettera
"alif": bghdAd.

In "mwssl" invece non sono segnate vocali lunghe (la "w" in questo caso ha
funzione semivocalica):

https://ar.wikipedia.org/wiki/%D8%A7%D9%84%D9%85%D9%88%D8%B5%D9%84

Se non sbaglio, in assenza di vocali lunghe, l`accento dovrebbe cadere sempre
sulla prima.
Valerio Vanni 13 Lug 2017 13:19
On Thu, 13 Jul 2017 12:02:24 +0200, Voce dalla Germania
<traduttore@sags-per-mail.de> wrote:

>Gli italiani lo pronunciano come vogliono. Basta mettersi
>d'accordo. Sul DOP non c'è?

Sul DOP sono riportate sia la pronuncia piana che quella tronca, ed è
indicata la sdrucciola come errata (prendono atto della sua esistenza
;-) ).
Sul DIPI è indicata la sdrucciola come moderna e la tronca come
tradizionale.

>Però forse è bene sapere che i turchi dicono Istanbul con
>l'accento sulla a.

Sul DIPI è indicata come pronuncia "intenzionale".


--
Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario
e quelle che non lo capiscono.
Valerio Vanni 13 Lug 2017 13:30
On Thu, 13 Jul 2017 10:57:34 +0200, Voce dalla Germania
<traduttore@sags-per-mail.de> wrote:

>Valerio Vanni hat am 13.07.2017 um 10:05 geschrieben:
>
>> Qui da noi però c'è la tendenza a tirarlo indietro.
>
>Credevo che fosse più un fenomeno tedesco che italiano.

In italiano è un fenomeno abbastanza moderno, non è radicato nella
storia della ******* .. forse per il tedesco è differente.

Probabilmente deriva da un'imitazione della ******* inglese, che spesso
ha l'accento più indietro. Ma quest'imitazione si spinge anche oltre:
pèrformance, contìnental in inglese hanno l'accento più avanti.

Anche il nome della squadra "Mìlan" probabilmente ha avuto la stessa
storia.

--
Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario
e quelle che non lo capiscono.
B.B. 13 Lug 2017 14:57
On 13/07/17 12:30, Valerio Vanni wrote:
> In italiano è un fenomeno abbastanza moderno, non è radicato nella
> storia della ******* ..

A meno di risalire al latino arcaico, naturalmente.

-- bb
Voce dalla Germania 13 Lug 2017 15:54
Valerio Vanni hat am 13.07.2017 um 13:30 geschrieben:

> Anche il nome della squadra "Mìlan" probabilmente ha avuto la stessa
> storia.

Non proprio. I fondatori erano in maggioranza inglesi, al
punto che fondarono il Milan Football & Cricket (!) Club,
non a caso chiamarono la squadra col nome inglese della
città, proprio come il Genoa, e all'inizio l'avranno
sicuramente pronunciato all'inglese. Come minimo avranno
fatto così i soci inglesi.
Diversi anni dopo, quando i soci erano ormai quasi tutti
italiani, il nome Milan rimase, ma si cominciò a
pronunciarlo nel modo classico italiano, cioè con l'accento
sulla penultima sillaba, che in questo caso è anche la
prima. Forse i fondatori italiani l'avevano sempre
pronunciato così, però non conosco au*****registrazioni del
nome Milan risalenti a prima della Prima guerra mondiale.
Gennaro 14 Lug 2017 10:24
Il 12/07/2017 19:18, Just Time ha scritto:
>
> E' molto comune pensare che a far cadere l'accento quasi sempre
> sull'ultima sillaba di una parola siano i NAPOLETANI (Istanbùl invece di
> Istànbul, Sofia Lorèn invece di Sofia Lòren, ecc.).
> Ma non è sempre così.

Certo, ma i campani sono famosi per l' accento sull'ultima sillaba,
soprattutto nelle parole che finiscono per consonante: l'Atàn o la Conàd
fanno folclore.
Tra l'altro, è davvero curiosissima la tendenza ad allargare le vocali
soprattutto quelle in sillaba finale. Non so se sia specialità tutta
campana.

> Anzi, io stesso napoletano, non riesco a
> rassegnarmi alla spaventosa ignoranza di tanti presentatori ed
> annunciatori TV.

Ma questo è tutta altra cosa. Gli accenti sbagliati soprattutto per i
nomi di città sono un classico, in tv e no.
Giovanni Drogo 14 Lug 2017 10:25
On Thu, 13 Jul 2017, Voce dalla Germania wrote:

> Diversi anni dopo, quando i soci erano ormai quasi tutti italiani, il
> nome Milan rimase, ma si cominciò a pronunciarlo nel modo classico
> italiano,

che curiosamente e' diverso dalla pronuncia milanese (della citta'):
Milàn (in antico anche Miràn con rotacismo, cfr. il De Magnalibus di
Bonvesin de la Riva)
Voce dalla Germania 14 Lug 2017 10:39
Giovanni Drogo hat am 14.07.2017 um 10:25 geschrieben:
> On Thu, 13 Jul 2017, Voce dalla Germania wrote:
>
>> Diversi anni dopo, quando i soci erano ormai quasi tutti
>> italiani, il nome Milan rimase, ma si cominciò a
>> pronunciarlo nel modo classico italiano,
>
> che curiosamente e' diverso dalla pronuncia milanese (della
> citta'):
> Milàn (in antico anche Miràn con rotacismo, cfr. il De
> Magnalibus di Bonvesin de la Riva)


Solo una supposizione, visto che cent'anni fa si sentiva
parlare in milanese molto più spesso di oggi: che la
pronuncia Mìlan sia stata adottata proprio per distinguere
meglio la squadra dalla città?
JaWo 14 Lug 2017 12:17
pauperino@gmail.com wrote:
>
> L`arabo, per quello che ne so, ha un sistema di pronuncia simile al latino:
l`accento dovrebbe cadere sempre sulla sillaba contenente una vocale lunga. In
Bagdad:
> https://ar.wikipedia.org/wiki/%D8%A8%D8%BA%D8%AF%D8%A7%D8%AF
> e` presente solo una vocale lunga (suono aperto "ah"), segnalata dalla lettera
"alif": bghdAd.
>
> In "mwssl" invece non sono segnate vocali lunghe (la "w" in questo caso ha
funzione semivocalica):
> https://ar.wikipedia.org/wiki/%D8%A7%D9%84%D9%85%D9%88%D8%B5%D9%84
> Se non sbaglio, in assenza di vocali lunghe, l`accento dovrebbe cadere sempre
sulla prima.


La posizione dell'accento nell'arabo classico può essere piana o
sdrucciola. Quando la penultima sillaba è chiusa o lunga, viene
accentata (ad es. فعلت faʿáltu 'feci'), altrimenti la terzultima
( فعل fáʿala 'fece').

Ma abbiamo anche parole tronche a causa della sparizione delle desinenze
classiche nell'arabo moderno ( كتاب kitā́b da kitā́bun 'libro').
La posizione (dell'acc.) può parzialmente spostarsi, ad es.
مدرسة mádrasa al posto di madrásatun 'scuola'; ma in Egitto senti
regolarmente madrása e in Marocco perfino madrasá.

Paese che vai ...


--
В детстве, вместо компьютера и интернета, у
меня было детство.
edi'® 14 Lug 2017 13:45
Il 14/07/2017 10.39, Voce dalla Germania ha scritto:

> Solo una supposizione, visto che cent'anni fa si sentiva
> parlare in milanese molto più spesso di oggi: che la
> pronuncia Mìlan sia stata adottata proprio per distinguere
> meglio la squadra dalla città?

Non credo, quando squadra e città hanno lo stesso nome è l'articolo a
discriminare: il Torino, il Bologna, il Napoli etc.
Tra le squadre importanti credo che solo *la* Roma faccia eccezione.

E.D.
qualcunaltro 14 Lug 2017 14:16
On 14/07/2017 13:45, edi'® wrote:
> Il 14/07/2017 10.39, Voce dalla Germania ha scritto:
>
>> Solo una supposizione, visto che cent'anni fa si sentiva
>> parlare in milanese molto più spesso di oggi: che la
>> pronuncia Mìlan sia stata adottata proprio per distinguere
>> meglio la squadra dalla città?
>
> Non credo, quando squadra e città hanno lo stesso nome è l'articolo a
> discriminare: il Torino, il Bologna, il Napoli etc.
> Tra le squadre importanti credo che solo *la* Roma faccia eccezione.
>
> E.D.

Per Milan però si parlava di dialetto e Milàn in milanese è sempre stato
maschile (el me Milan).
edi'® 14 Lug 2017 15:55
Il 14/07/2017 14.16, qualcunaltro ha scritto:

>>> Solo una supposizione, visto che cent'anni fa si sentiva
>>> parlare in milanese molto più spesso di oggi: che la
>>> pronuncia Mìlan sia stata adottata proprio per distinguere
>>> meglio la squadra dalla città?
>>
>> Non credo, quando squadra e città hanno lo stesso nome è l'articolo a
>> discriminare: il Torino, il Bologna, il Napoli etc.
>> Tra le squadre importanti credo che solo *la* Roma faccia eccezione.
>>
>
> Per Milan però si parlava di dialetto e Milàn in milanese è sempre stato
> maschile (el me Milan).

Giusta osservazione, ho ragionato in italiano.

E.D.
ADPUF 14 Lug 2017 21:24
edi'® 13:45, venerdì 14 luglio 2017:
> Il 14/07/2017 10.39, Voce dalla Germania ha scritto:
>
>> Solo una supposizione, visto che cent'anni fa si sentiva
>> parlare in milanese molto più spesso di oggi: che la
>> pronuncia Mìlan sia stata adottata proprio per distinguere
>> meglio la squadra dalla città?
>
> Non credo, quando squadra e città hanno lo stesso nome è
> l'articolo a discriminare: il Torino, il Bologna, il Napoli
> etc. Tra le squadre importanti credo che solo *la* Roma
> faccia eccezione.


In friulano l'Udinese è come la città, Ùdin.

"Alè Udin!!!"
(cit. tifica)

Ma io di futbal e di calcio non so niente.

L'ultima volta che andai allo sta***** a vedere l'Udinese fu
anche la prima, con mia mamma, Udinese-Triestina:1-1.
Pioveva... :-)


--
AIOE °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
ADPUF 14 Lug 2017 21:30
pauperino@gmail.com 05:21, giovedì 13 luglio 2017:

> Il giorno mercoledì 12 luglio 2017 19:18:20 UTC+2, Just Time
> ha scritto:
>> E' molto comune pensare che a far cadere l'accento quasi
>> sempre sull'ultima sillaba di una parola siano i NAPOLETANI
>> (Istanbùl invece di Istànbul, Sofia Lorèn invece di Sofia
>> Lòren, ecc.). Ma non è sempre così. Anzi, io stesso
>> napoletano, non riesco a rassegnarmi alla spaventosa
>> ignoranza di tanti presentatori ed annunciatori TV.
>> Ecco degli esempi. Gli abitanti di Padova sono Padovàni
>> oppure Pàdovani. Se sono Padovàni, allora in dialetto è
>> Padoàn. Non conta nulla se il ministro è o non è veneto: ad
>> essere veneto ci pensa il suo cognome, che dovrebbe suonare
>> Padoàn, come Trevisàn, come Brusòn e tanti altri nomi
>> veneti. Ma non basta: la città dell'Iraq appena liberata dal
>> "califfato" era fino pochi giorni fa Mosùl. Ora è diventata
>> Mòsul. Ma su queste mostruosità la RAI non si accorge di
>> nulla?
>
> Per il dizionario della RAI sono previsti due adattamenti
> dall`arabo: uno Mosul/Mozul, con l`accento sulla "o";


E da dove viene?

Mai sentito "mòzul", finché dell'Iraq non se ne
sono "interessati" gli americani.

Ovviamente i giornalisti italiani copiano.


> l`altro Mossul, con l`accento sulla "o" o sulla "u".


Sempre sentito "mossùl" con la S sorda.

Forse una volta i giornalisti copiavano dai francesi...


> http://www.dizionario.rai.it/poplemma.aspx?lid=38755&r=132129
>
> Pronuncia originale:
>
>
https://www.youtube.com/watch?v=GA0yyvTPmLw&feature=youtu.be&t=1m17s
> min madinat almawsil "من مدينة الموصل": dalla citta` di Mosul


Quella è una S sorda, non sonora.

Per l'accento, vedo che l'unica vocale in mawsil è la U
(trascritto mwsl) per cui non so, forse loro dicono "mùssil".


--
AIOE °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
Valerio Vanni 15 Lug 2017 11:25
On Thu, 13 Jul 2017 15:54:09 +0200, Voce dalla Germania
<traduttore@sags-per-mail.de> wrote:

>Diversi anni dopo, quando i soci erano ormai quasi tutti
>italiani, il nome Milan rimase, ma si cominciò a
>pronunciarlo nel modo classico italiano, cioè con l'accento
>sulla penultima sillaba, che in questo caso è anche la
>prima.

E' difficile secondo me ipotizzare una trasformazione verso la parola
piana, come se l'ultima sillaba fosse proprio caduta nel dimenticatoio
e ci si trovasse davanti a una parola misteriosa con scarsi elementi
per decidere.

Un troncamento normalmente non ha quest'effetto: da "dottóre" abbiamo
"dottór", da "ingegnère" "ingegnèr" e così via.
Perché, appunto, gli elementi per decidere sono ben presenti.

>Forse i fondatori italiani l'avevano sempre
>pronunciato così, però non conosco au*****registrazioni del
>nome Milan risalenti a prima della Prima guerra mondiale.

In effetti le registrazioni sarebbero utili :-)

>Solo una supposizione, visto che cent'anni fa si sentiva
>parlare in milanese molto più spesso di oggi: che la
>pronuncia Mìlan sia stata adottata proprio per distinguere
>meglio la squadra dalla città?

O forse è stata adottata per allontanarsi dalla pronuncia in dialetto.


--
Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario
e quelle che non lo capiscono.
ilChierico 15 Lug 2017 12:36
On 13/07/2017 13:30, Valerio Vanni wrote:

> Anche il nome della squadra "Mìlan" probabilmente ha avuto la stessa
> storia.

Forse per non confonder la squadra con l'omonimo missile controcarro? ;-D
pauperino@gmail.com 15 Lug 2017 14:18
Il giorno venerdì 14 luglio 2017 19:30:21 UTC, ADPUF ha scritto:
> paup...@gmail.com 05:21, giovedì 13 luglio 2017:
> https://www.youtube.com/watch?v=GA0yyvTPmLw&feature=youtu.be&t=1m17s
>> min madinat almawsil "من مدينة الموصل": dalla citta` di Mosul
>
>
> Quella è una S sorda, non sonora.

In arabo le "S" sono sorde e le "Z" sonore (in questo aspetto e` piu` coerente
dell`italiano o del tedesco). Poi c`e` la esse enfatica (come quella di Mosul,
nella trascrizione si indica con un puntino sottoscritto) che assomiglia un po`
alla esse bolognese:

https://youtu.be/v2_sNjvv0EM?t=1m44s

>
> Per l'accento, vedo che l'unica vocale in mawsil è la U
> (trascritto mwsl) per cui non so, forse loro dicono "mùssil".

Ho trovato la scritta in arabo con segnate le vocali (non so se si vede):

الْمَوْصِل

mia trascrizone (vocalizzazione tra parentesi):

Al-m(a)w()s(i)l

La "w" dovrebbe essere semivocalica, con vocalizzazione muta (sukun):
https://it.wikipedia.org/wiki/Suk%C5%ABn

In assenza di vocali lunghe, come nel caso in questione, l`accento dovrebbe
cadere sulla prima sillaba (ma).

La vocalizzazione aperta ("fathah") breve in realta` ha un suono piu` simile ad
una "o" (ma dipende molto anche dal dialetto usato).
pauperino@gmail.com 15 Lug 2017 14:33
Il giorno venerdì 14 luglio 2017 19:30:21 UTC, ADPUF ha scritto:
> paup...@gmail.com 05:21, giovedì 13 luglio 2017:
> https://www.youtube.com/watch?v=GA0yyvTPmLw&feature=youtu.be&t=1m17s
>> min madinat almawsil "من مدينة الموصل": dalla citta` di Mosul
>
>
> Quella è una S sorda, non sonora.

In arabo le "S" sono sorde e le "Z" sonore (in questo aspetto e` piu` coerente
dell`italiano e del tedesco).

In Mossul c`e` la esse enfatica (nella trascrizione si indica con un puntino
sottoscritto) che assomiglia un po` alla esse bolognese:

https://youtu.be/v2_sNjvv0EM?t=1m42s

>
> Per l'accento, vedo che l'unica vocale in mawsil è la U
> (trascritto mwsl) per cui non so, forse loro dicono "mùssil".

Ho trovato la scritta in arabo con segnate le vocali (non so se si vede):

مَوْصِل

mia trascrizone (vocalizzazione tra parentesi):

m(a)w()s(i)l

La "w" dovrebbe essere semivocalica, con vocalizzazione muta (sukun):
https://it.wikipedia.org/wiki/Suk%C5%ABn

In assenza di vocali lunghe, come nel caso in questione, l`accento dovrebbe
cadere sulla prima sillaba "maw".

La vocalizzazione aperta (in arabo "fathah", trascritta con una "a") breve,
cioe` senza la alif segnata, qui ha un suono piu` simile ad una "o", ma puo`
dipendere dalla consonante che vocalizza e pure dal dialetto usato.
pauperino@gmail.com 16 Lug 2017 08:20
Il giorno venerdì 14 luglio 2017 19:30:21 UTC, ADPUF ha scritto:
> per cui non so, forse loro dicono "mùssil".

I giornalisti televisivi dovrebbero adottare una pronuncia media, non dialettale
ma neanche non troppo "classica":

https://youtu.be/A9LkW-IQbqM?t=36s

"في الموصل القديمة" "fi almawsil alqadima" (nell`antica Mossul)

Io sento pronunciare "mòussil".
pauperino@gmail.com 16 Lug 2017 08:30
Il giorno sabato 15 luglio 2017 12:33:09 UTC, paup...@gmail.com ha scritto:
> In Mossul c`e` la esse enfatica (nella trascrizione si indica con un puntino
sottoscritto) che assomiglia un po` alla esse bolognese:
>
> https://youtu.be/v2_sNjvv0EM?t=1m42s

Per un confronto:

https://youtu.be/hCzRv-AHkOI?t=3m33s

(notate anche come, nel dialetto emiliano, l`articolo determinativo maschile sia
straordinariamente uguale al corrispettivo arabo)
ADPUF 28 Lug 2017 20:39
Gennaro 10:24, venerdì 14 luglio 2017:

> in tv e no.


Mi congratulo per non aver usato il "non".


--
AIOE °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Usare correttamente la lingua italiana | Tutti i gruppi | it.cultura.linguistica.italiano | Notizie e discussioni linguistica italiano | Linguistica italiano Mobile | Servizio di consultazione news.